giovedì 8 gennaio 2015

Commenti dell'anno che fu....


“Comunemente il benessere viene percepito come una condizione di armonia tra uomo e ambiente, derivante in particolare dal bello che c’è intorno a noi”

Il 7 e 8 dicembre si sono svolte a Caselle le giornate del benessere, nei locali del palazzo comunale di Piazza Europa. Il motivo conduttore era illustrare e permettere ai visitatori di conoscere ed approcciare alcuni degli aspetti fondamentali legati alla nostra ricerca di “benessere” strutturate in tre temi principali:
  • ALIMENTARE: recupero di vecchie usanze e tradizioni alimentari, il piacere della cucina semplice, preparazione e consumo di tisane, tè e birra.
  • BOTANICO/FLOREALE: realizzazione addobbi, editoria sulla materia
  • OLISTICO/COSMETICO: trattamenti olistici, approccio alla psicanalisi, meditazione
Una serie di conferenze abbinate a spiegazioni pratiche delle varie discipline ha permesso ai visitatori di conoscerle al meglio, particolarmente gradite le conferenze di psicolinguistica e introduzione al Training Autogeno del dottor Ariberto Faretra, psicologo, psicoterapeuta e ricercatore; la meditazione vipassana guidata da Giovanni Cortese, counselor olistico; la presentazione del libro “Il giardino delle regole infrante” di Renato Ronco; la cerimonia del tè e le cento qualità del miele a cura di Silvia Somali e Paolo Bergonzi di PRATOROSSO, apicoltura erboristeria; l’uso delle erbe e delle spezie nella preparazione della birra, dall’antichità ai giorni nostri a cura di Massimo Dilda, sommeiller A.I.S. assaggiatore O.N.A.B.; la preparazione di formaggi a cura di Gerardo Zeppa; le orecchiette e i cavatielli magistralmente cesellati dalle abili mani di Maria Elisa Zeppa; prodotti naturali e biologici a cura della Cooperativa TERREDI.

E ancora gli stupendi addobbi dell’ingresso, delle scale e della sala giunta di LINEA VERDE di Elisa Nepote, i libri a tema della libreria “Tempo Libro” di Caselle Torinese.

Sono stati nostri graditi ospiti una ricercatrice, la D.ssa Emanuela Pupo e la segretaria del comitato A.I.R.C. Piemonte e Valle d’Aosta Signora Anna Bosio.

A margine lunedì 8 dicembre alle ore 10 un folto gruppo di persone ha lasciato a piedi piazza Europa alla scoperta delle meridiane casellesi. In testa alcuni esponenti della Società Gnomonica Italiana: Giampiero Casalegno, Luigi Ghia e Riccardo Anselmi. Una domanda può sorgere spontanea: quale il legame tra la gnomonica, la scienza che studia meridiane e orologi solari ed il benessere? Il benessere può nascere anche dal coltivare una passione e quando la passione è autentica il desiderio è di condividerla affinchè altri possano beneficiarne. Caselle possiede 16 meridiane nell’anagrafe ufficiale e altre sconosciute.

Nelle settimane precedenti era stato fatto un lavoro di ricerca e censimento delle stesse, di contatti con i proprietari soprattutto per quelle situate in cortili interni. La risposta è stata superiore ad ogni aspettativa e ha permesso di visitarle quali tutte escludendo per motivi di tempo quelle più lontane dal centro storico, due nel cortile dell’Antica Zecca una in fondo a via Caldano.

giovedì 28 agosto 2014

PROGETTO DI ORTOTERAPIA:Giovedì 18 settembre, serata dedicata a “Sua Maestà l’orchidea” con un esperto: Giancarlo Pozzi

L'orchidea fu definita "il sandalo del mondo" dai greci. Questa definizione si lega alla forma suo grande labello gonfio che la fa somigliare alla punta di una scarpetta. La leggenda dell'Epiro narra di un giovane ermafrodito di nome Orchide che sentendosi rifiutato da tutti per la sua diversità ed ambiguità, decise di farla finita gettandosi da una rupe dal prato su cui cadde nacquero tantissimi fiori variopinti, fastosi e bizzarri, l'uno diverso dall'altro ma allo stesso tempo similari. Questi fiori presero il nome di Orchidee, ossia, fiori di Orchide. La bellezza di questi fiori ha evocato il simbolo dell'armonia e l'emblema della perfezione spirituale, la bellezza che trascende ogni genere essendo maschile e femminile insieme.. Delle Orchidee parlava già Confucio nel V sec a.C. Il nome scientifico Orchidee venne usato per la prima volta nel testo di Teofasto "Storia delle piante". A quei tempi le orchidee erano sfruttate come piante medicinali, dagli effetti stimolanti. Alla fine del Rinascimento la prima Orchidea tropicale sbarca in Europa. Il botanico svedese Linneo ordinò tutte le specie nel suo "Species plantarum". Charles Darwin contribuì a scoprire le tecniche di riproduzione dando il via ad una vera e propria caccia a queste piante sconfinando in vere e proprie guerre tra compagnie commerciali per accaparrarsi l'ultima nuova specie. Nel XX sec. questo deplorevole fenomeno si riduce anche se permangono ad oggi degli scempi degli habitat originari. Questa grandissima famiglia, le Orchidaceae , comprende circa 35000 specie divise in 800 generi differenti, senza calcolare gli innumerevoli ibridi (circa 100.000) Sono diffuse un po' ovunque ma per la maggior parte sono originarie delle zone umide della fascia intertropicale. In Italia abbiamo circa 85 specie spontanee di orchidee, distribuite nelle zone umide sia di montagna che in prossimità delle coste, molte delle quali estremamente rare e in via di estinzione e come tali protette dalla raccolta indiscriminata. Contrariamente a quanto si pensa comunemente le orchidee sono tra le piante più diffuse sulla terra ed ultimamente sono diventate anche le più diffuse piante d'appartamento. Negli ultimi anni le orchidee, ed in particolare le Phalaenopsis sono diventate le piante più vendute. Nel 2008 in Olanda sono state vendute 291.000.000 (duecentonovantun milioni) di piante di Phalaenopsis. La parola all’esperto: Giancarlo Pozzi (classe 1938): l’ho conosciuto a Masino alcuni anni fa,l’ho rivisto ad Orticola, Euroflora, Flor Torino. Il suo stand rappresenta degnamente la sua passione e la sua competenza, la sua figura è un punto di riferimento per gli appassionati anche per la sua cordialità e la sua ironia, sarà veramente lusinghiero condividere una serata con lui, arriverà da Morosolo con le sue creature e la sua esperienza coinvolgente, nel suo vivaio si trovano esemplari di VANDA,PAPHIOPEDILUM, CYMBIDIUM, CATTLEYA, LYCASTE, ODONTOGLOSSUM, DENDROBIUM, CAMBRIA, MILTONIA, ONCIDIUM , PHALENOPSIS, PLEIONE, PHRAGMIPEDIUM. “Sono un gran casinista, coltivo orchidee da quasi 50 anni e un tempo non avrei mai immaginato che un giorno mi sarebbe piaciuto fare chiacchierate in pubblico sulle orchidee, della serie come si cambia nella vita!” “Mi sembra quasi che la mia sia una missione, insegnando a coltivare e far rifiorire le orchidee in casa rendo più felici le persone” Così ama definirsi Giancarlo che la passione per le orchidee ce l'ha nel Dna, tramandata dal padre che negli anni Sessanta ha dato il via alla sua attività. Florovivaista di Morosolo, ogni anno apre i giardini della sua azienda al pubblico, mette in mostra le sue "opere d'arte" e organizza eventi per gli appassionati. In pochi decenni ha registrato più di quaranta ibridi di nuove specie di orchidee e di alcune va orgoglioso come di un tesoro. Come quella che gli ha permesso di ottenere un posto al Botanical Garden di New York, che ospita, su una superficie di più di 100 ettari, 27 giardini particolari e perfino una foresta. È una storia curiosa quella che ha portato i suoi fiori in uno dei più importanti giardini del mondo. «Una storia - racconta Pozzi - che parte da Susanna Walton, la proprietaria de "La Mortella" di Ischia, il parco che è stato votato come il migliore in italia dal punto di vista botanico. Pochi giorni fa ho ricevuto una copia del libro che ne presenta le bellezze e che, nel capitolo sulla "serra delle orchidee", parla anche dei miei fiori e mi presenta come un "coltivatore ispirato e appassionato". Un bel complimento che ho deciso di ricambiare dedicando alla creatrice de "La Mortella" una delle ultime specie che ho registrato, è nata così l'orchidea Susanna Walton, quella che mi ha fatto contattare dal Botanical Garden di New York. Ma questa è solo l'ultima ne potrei raccontare molte altre». Di ogni fiore conosce le proprietà ed il passato. Presenta le sue orchidee raccontandone la storia, il fascino e le sfumature dei loro profumi che spaziano dal pepe alla vaniglia. L'azienda di Giancarlo Pozzi è cresciuta negli anni, oggi le sue piante occupano duemila metri quadrati di serre. Dal 1991 ha attivato un laboratorio per la riproduzione delle orchidee da seme e un programma di ibridazione dove quasi settimanalmente fiorisce per la prima volta qualche cosa di inedito. A vedere le sue "creazioni" arrivano visitatori da tutta Italia e non solo.

giovedì 24 aprile 2014

Lettera del capo indiano Seattle al presidente USA Franklin Pierce, uno dei migliori testi ambientalisti mai scritti, in occasione della giornata mondiale della terra, Earth Day, 22 aprile

Le radici storiche della cultura ambientalista Lettera del capo indiano Seattle al presidente Usa Franklin Pierce Nel 1854 il "Grande Bianco" di Washington (il presidente degli Stati Uniti) si offri' di acquistare una parte del territorio indiano e promise di istituirvi una "riserva" per il popolo indiano. Ecco la risposta del "capo Seattle", considerata ancora oggi la piu' bella, la piu' profonda dichiarazione mai fatta sull'ambiente. 14 settembre 2003 - capo indiano Seattle Capo indiano Capo indiano CHIUDI "Come potete acquistare o vendere il cielo, il calore della terra? L'idea ci sembra strana. Se noi non possediamo la freschezza dell'aria, lo scintillio dell'acqua sotto il sole come e' che voi potete acquistarli? Ogni parco di questa terra e' sacro per il mio popolo. Ogni lucente ago di pino, ogni riva sabbiosa, ogni lembo di bruma dei boschi ombrosi, ogni radura ogni ronzio di insetti e' sacro nel ricordo e nell'esperienza del mio popolo. La linfa che cola negli alberi porta con se' il ricordo dell'uomo rosso. Noi siamo una parte della terra, e la terra fa parte di noi. I fiori profumati sono i nostri fratelli, il cavallo, la grande aquila sono i nostri fratelli, la cresta rocciosa, il verde dei prati, il calore dei pony e l'uomo appartengono tutti alla stessa famiglia. Quest'acqua scintillante che scorre nei torrenti e nei fiumi non e' solamente acqua, per noi e' qualcosa di immensamente significativo: e' il sangue dei nostri padri. I fiumi sono nostri fratelli, ci dissetano quando abbiamo sete. I fiumi sostengono le nostre canoe, sfamano i nostri figli. Se vi vendiamo le nostre terre, voi dovrete ricordarvi, e insegnarlo ai vostri figli, che i fiumi sono i nostri e i vostri fratelli e dovrete dimostrare per fiumi lo stesso affetto che dimostrerete ad un fratello. Sappiamo che l'uomo bianco non comprende i nostri costumi. Per lui una parte di terra e' uguale all'altra, perche' e' come uno straniero che arriva di notte e alloggia nel posto che piu' gli conviene. La terra non e' suo fratello, anzi e' suo nemico e quando l'ha conquistata va oltre, piu' lontano. Tratta sua madre, la terra, e suo fratello, il cielo, come se fossero semplicemente delle cose da acquistare, prendere e vendere come si fa con i montoni o con le pietre preziose. Il suo appetito divorera' tutta la terra e a lui non restera' che il deserto. Non esiste un posto accessibile nelle citta' dell'uomo bianco. Non esiste un posto per vedere le foglie e i fiori sbocciare in primavera, o ascoltare il fruscio delle ali di un insetto. Ma forse e' perche' io sono un selvaggio e non posso capire. Il baccano sembra insultare le orecchie. E quale interesse puo' avere l'uomo a vivere senza ascoltare il rumore delle capre che succhiano l'erba o il chiacchierio delle rane, la notte, attorno ad uno stagno? Io sono un uomo rosso e non capisco. L'indiano preferisce il dolce suono del vento che slanciandosi come una freccia accarezza la faccia dello stagno, e preferisce l'odore del vento bagnato dalla pioggia mattutina, o profumato dal pino pieno di pigne. L'aria e' preziosa per l'uomo rosso, giacche' tutte le cose respirano con la stessa aria: le bestie, gli alberi, gli uomini tutti respirano la stesa aria. L'uomo bianco non sembra far caso all'aria che respira. Come un uomo che impiega parecchi giorni a morire resta insensibile alle punture. Ma se noi vendiamo le nostre terre, voi dovrete ricordare che l'aria per noi e' preziosa, che l'aria divide il suo spirito con tutti quelli che fa vivere. Il vento che ha dato il primo alito al Nostro Grande Padre e' lo stesso che ha raccolto il suo ultimo respiro. E se noi vi vendiamo le nostre terre voi dovrete guardarle in modo diverso, tenerle per sacre e considerarle un posto in cui anche l'uomo bianco possa andare a gustare il vento reso dolce dai fiori del prato. Considereremo l'offerta di acquistare le nostre terre. Ma se decidiamo di accettare la proposta io porro' una condizione: l'uomo bianco dovra' rispettare le bestie che vivono su questa terra come se fossero suoi fratelli. Che cos'e' l'uomo senza le bestie? Se tutte le bestie sparissero, l'uomo morirebbe di una grande solitudine nello spirito. Poiche' cio' che accade alle bestie prima o poi accade anche all' uomo. Tutte le cose sono legate tra loro. Dovrete insegnare ai vostri figli che il suolo che essi calpestano e' fatto dalle ceneri dei nostri padri. Affinche' i vostri figli rispettino questa terra, dite loro che essa e' arricchita dalle vite della nostra gente. Insegnate ai vostri figli quello che noi abbiamo insegnato ai nostri: la terra e' la madre di tutti noi. Tutto cio' che di buono arriva dalla terra arriva anche ai figli della terra. Se gli uomini sputano sulla terra, sputano su se stessi. Noi almeno sappiamo questo: la terra non appartiene all'uomo, bensi' e' l'uomo che appartiene alla terra. Questo noi lo sappiamo. Tutte le cose sono legate fra loro come il sangue che unisce i membri della stessa famiglia. Tutte le cose sono legate fra loro. Tutto cio' che si fa per la terra lo si fa per i suoi figli. Non e' l'uomo che ha tessuto le trame della vita: egli ne e' soltanto un filo. Tutto cio' che egli fa alla trama lo fa a se stesso. C'e' una cosa che noi sappiamo e che forse l'uomo bianco scoprira' presto: il nostro Dio e' lo stesso vostro Dio. Voi forse pensate che adesso lo possedete come volete possedere le nostre terre ma non lo potete. Egli e' il Dio dell'uomo e la sua pieta' e' uguale per tutti: tanto per l'uomo bianco quanto per l'uomo rosso. Questa terra per lui e' preziosa. Dov'e' finito il bosco? E' scomparso. Dov'e' finita l'aquila? E' scomparsa. E' la fine della vita e l'inizio della sopravvivenza".

sabato 19 aprile 2014

L’ESSENZA DI UN GIARDINO



Le nostre piante accudite con devozione ci ripagano in mille modi inaspettati: favoriscono intrecci di relazioni, nuove amicizie, tutte mosse dagli stessi sentimenti, perché nel coccolare le nostre piante ci guida una passione genuina che tocca il più profondo dei nostri bisogni: prenderci cura di noi!
Che sia una semplice passione, una pratica che allontana dai pensieri frettolosi quotidiani, una ricerca o un avvicinamento alla natura, appassionarsi alle piante significa abbandonare i nostri pensieri e le nostre abitudini e dedicarsi con pazienza a loro.
Pian piano piccoli e lenti gesti diventano condivisi, diventano scambi sociali, intrecci di relazioni che porteranno le persone ad attivare una sorta di caccia al tesoro, accordi per confrontarsi, creazione di passaparola e sottili comunità virtuali, tutti mossi dallo stesso sentimento e desiderio di condivisione.
Si entra pian piano in un mondo fantastico dove il silenzio regna e ti accoglie indicandoti nel suo percorso dove far sostare l’occhio.
Sguardi curiosi vanno alla ricerca di qualcosa da scoprire, mentre il giardino segreto continua ogni giorno a mostrare angoli nascosti e rivelare nuovi sorprendenti cambiamenti.
Il nostro giardino, grande o piccolo che sia, ci rappresenta, comunica le nostre sensazioni, svela i nostri bisogni e le nostre emozioni e manifesta le attenzioni che sappiamo dedicare agli altri, chi ama il proprio giardino sentirà il bisogno di vederlo la mattina prima di uscire di casa o durante il giorno e sarà l’ultimo pensiero della sera prima del buio, ci ricambierà per intero di tutti i nostri sforzi ed una volta impostato e definito ci chiederà veramente poche cure e sarà sempre disponibile ai nostri cambiamenti, accontentando volta per volta le nostre mutevoli esigenze, nulla meglio di un giardino ci permette di far correre la fantasia, la creatività e i diversi stati d’animo. Le scelte dei colori ci permettono di creare sfondi con il massimo del cromatismo o angoli monocromatici più distensivi, aiuole sgargianti e un sottobosco rilassante.
Dopo anni passati a trascorrere il mio “non tempo libero” e cioè quello sottratto faticosamente ad altre incombenze faticosamente assolte in orari impossibili, sono giunta alla conclusione che il nostro giardino o balcone o terrazzo o semplicemente una fioriera accudita con passione è il luogo più vivo che esiste: ogni filo d’erba, ogni germoglio, ogni pianta piccola o grande, ogni cespuglio, ogni albero è vivo, soffre, si lamenta, cresce, si nutre, si ribella e a volte muore! Ma tutti questi organismi vivi ci ricambiano in base alla loro natura delle cure che dedichiamo, con i colori, i profumi, le forme di cui sono dotati.

Questa è l’essenza di un giardino: luogo ideale per sublimare i nostri sensi, dimenticare ed alleviare le nostre ansie e le nostre ferite, gratificarci per i risultati che non mancheranno! Saprà aspettarci quando non possiamo dedicargli le cure di cui ha bisogno e velocemente si riprenderà quando torneremo ad occuparci di lui!

venerdì 7 giugno 2013

giornata dell'ambiente e divagazioni partecipative

il 5 giugno è dal 1972 la giornata mondiale dell'ambiente. Data importante per tutti, in particolare per chi l'ambiente lo rispetta lo ama lo cura e cerca di diffonderne i buoni sentimenti. L'ho "festeggiato" con l'ultima serata del ciclo di ortoterapia, una lezione di fiori di Bach alla conoscenza dei suoi usi collaterali, io li conosco e  li apprezzo solo sotto forma di gocce invece si possono utilizzare in crema partendo da una crema base con additivo dei fiori necessari; come collutorio e collirio. Gli usi sono molteplici: malattie della pelle, artrosi, tunnel carpale. Cristina come sempre preparatissima e con una grande semplicità, dote naturale e quanto mai piacevole, e questo oltre la conoscenza della materia esposta è uno degli aspetti che preferisco di questo progetto.
Al di là di questo lo sto festeggiando ancora in quanto proprio perchè ultima serata significa "disintossicarmi" da quanto queste serate significano, organizzazione totale (volantino, copie, distribuzione, mail, sms, articoli, ecc) e tutto queste nelle ore più assurde, in corsa, al volo, rubando ore al sonno, agli altri e soprattutto a me stessa. Mi sono spesso chiesta in questi giorni quali delle cose che faccio le faccio perchè mi piacciono o perchè fanno parte del gioco e visto che nessuno può...... lo faccio io. Il problema è che tutto questo sommato alle ore di lavoro fuori casa significa tempo quasi zero per le cose che mi interessano e mi piacciono in particolare. Il piacere delle serate è impagabile ma sento il bisogno di fare in  modo di  renderle più leggere, o forse sono io con la mia mania della perfezione a fare anche ciò che non serve.
Mi devo disintossicare anche dall'abitudine che hanno molti di giustificare l'assenza con motivazioni spesso paradossali, a volte assurde, in alcuni casi chiaramente farlocche, chesi smentiscono da sole. Il nostro tempo libero è la cosa più bella che possediamo  abbiamo il diritto di spenderlo come preferiamo, quindi evitiamo giustificazioni, o ci siamo o non ci siamo, chi ci ha invitati ovviamente gradisce la nostra presenza, è il risultato migliore per chi organizza qualcosa, se decidiamo di non esserci, perchè spesso è così, o scegliamo altre cose o scegliamo il niente, evitiamo spiegazioni inutili, sono deprimenti e a volte fastidiose!
Tutto questo per concludere che continuerò a fare ciò che da anni faccio, privandomi di un pò di tempo per me per condividerlo, perchè mi sembra giusto, è un atto d'affetto, purtroppo  non sempre percepito e non  sempre apprezzato, non importa, il sentimento non dipende dalla quantità, è fondamentale la sinergia positiva che si viene a creare fra le persone quando stanno insieme, quando si dedicano ad una causa in cui credono, quando riescono a trasmettere ad altri ciò che hanno imparato ed i benefici che ne hanno tratto. Dare è gratificante molto più che ricevere, non importante se il terreno è arido, sara ancora più gratificante farlo diventare fertile. L'ambiente è un argomento troppo importante per non occuparsene, il 5 giugno è una giornata speciale ma quando si vive in simbiosi con la natura tutti i giorni possono essere speciali, questo fa la differenza, evita la depressione, fa superare la fatica, fa vedere la vita sempre a colori, ma adesso la palpebra cala, buona notte a tutti!!!!!

mercoledì 5 giugno 2013


s.o.s. Recupero piante bordo strada
stasera ho incontrato un mio concittadino che mi coinvolta in una materia sapendo di riuscirci vista la mia sensibilità "verde". Alcuni anni fa di fianco alla mia casa vennero tagliati alcuni pioppi, molto alti, con la motivazione della pericolosità visto che si stavano piegando e minacciavano di cadere sulla strada........ Rimase in piedi un unico esemplare per ombreggiare la bocciofila, il primo della fila, quello più esposto ai venti che arrivano da nord-ovest e dal fiume. Ora lo stesso è chiaramente in difficoltà, sta perdendo le foglie ha un sacco di rami secchi, sarebbe il caso di capitozzarlo, forse potrebbe salvarsi. Ma la questione postami è un'altra: gli altri sono stati segati a livello terreno e sono nati dalla base del tronco dei rami che hanno raggiunto una altezza di circa due metri, abbastanza regolari, adesso in parte nascosti dall'erba del bordo strada. A questo punto ho riflettuto sulla teoria del mio concittadino che sarebbe quella di recuperare le piante perdute tagliando tutti i rami cresciuti meno uno, tutorarli e potremmo senza spesa alcune riavere il nostro bel filare verde che nelle sere estive ci regalava una piacevole brezza e vi posso assicurare che il rumore delle  foglie che si muovono nel silenzio totale è una musica celeste.
adesso faremo la proposta all'assessore competente...... ma anche al sindaco al vice sindaco e tutti quelli che incontriamo, vediamo se  funzionerà. vorremmo anche dire loro che una pianta nuova se ben coltivata è un piccolo investimento per la collettività una pianta tagliata la impoverisce
La storia continua......
vi terremo informati

lunedì 3 giugno 2013


Da oggi questo blog avrà una vita, forse non quotidiana, ma il più frequente possibile, rinunciando o in alcuni casi eliminando altre cose del poco tempo libero che ho a disposizione in attesa di averne di più. Raccoglierà impressioni, progetti, iniziative, sogni ma anche i vostri commenti, e nel caso critiche, purchè costruttive e con alternative. Inizio da un articolo che ho scritto di recente, parla di persone e di fatti, uno la conseguenza dell'altro, ma è sempre dalle persone che noi dobbiamo partire in ogni circostanza, partendo dal rispetto che dobbiamo agli altri e lo stesso che dobbiamo pretendere, partendo dalla conoscenza che possiamo mettere a disposizione degli altri in modo da poter attingere da quella altrui ed infine i buoni sentimenti, quelli che dal giorno della sua elezione ci ricorda Papa Francesco, e ce n'era bisogno. Parlerà dell'associazione "Vivere il Verde" e delle sue iniziative che potrete trovare sulla pagina Facebook con lo stesso cliccando "Mi piace". Sarà un incrociarsi di notizie, fatti, persone e ovviamente un ritrovarsi. 
Potete suggerire i vostri link preferiti e spero diventare lettori fissi
Un caloroso benvenuto a tutti!!!!!!!!!

Persone e fatti
Oggi i collegamenti tra persone e fatti sono diventati  qualcosa di criptico: le persone ci interessano non in quanto tali ma per ciò che possono rappresentare per i nostri interessi. Le utilizziamo, è un brutto termine ma rende bene, attingiamo ciò che ci interessa o ci fa comodo,  a volte anche subdolamente le scartiamo.
Al di là di queste ci sono le persone che invece non smetti di ringraziare il destino per avertele fatte incontrare, quelle che entrano in punta di piedi, in silenzio, osservano, accettano le regole, si confrontano con semplicità e cosa più importante di tutte, mirano a farsi accettare.
In ogni contesto la cosa fondamentale è accettare e  condividere le regole,  soprattutto condividere gli intenti di chi ha già iniziato l’opera, questo è possibile solo in presenza di uno spirito di appartenenza alla situazione,  libero da ogni interesse personale, economico o  similare.
Viviamo in momenti di traiettorie variabili dal punto di vista economico, sociale, civile e i rapporti umani vengono di conseguenza.  Riusciamo spesso a dire che non abbiamo tempo ma altrettanto spesso preferiamo non soffermarci a prendere tempo per non dover riflettere e analizzare su come viviamo il nostro tempo. Spesso dovendo scegliere fra due opzioni contemporanee preferiamo quella più facile: non uscire di casa, non occuparci degli altri, non fare nemmeno il più piccolo sforzo per uscire da una quotidianità preconfezionata che ci sta stretta ma dalla quale scegliamo di non uscire per non modificare  regole che conosciamo bene.
Ho avuto la grande  opportunità  di conoscere persone che mi hanno insegnato che ci sono momenti che non tornano, opportunità che non si ripetono, personaggi che possiamo conoscere ed apprezzare solo quando ci sono, qualche “tour de force” può avere un senso se ci regala l’opportunità di esperienze irripetibili e indimenticabili.
A queste persone devo insegnamenti che mi hanno permesso di affrontare situazioni che per qualcuno erano impossibili e assurde, per altri non avendo tornaconto economico di nessun interesse. Oggi che le circostanze hanno fatto si che avessero termine,  mi dico che sono state per me una ricchezza inestimabile, dal punto di vista umano, pratico e anche economico, quando si ha molto da  fare e molto poco tempo per farlo è indispensabile una perfetta organizzazione.
Il lato migliore di questa esperienza, e mi riferisco alla manutenzione e  conduzione del giardino del Baulino, durata quindici anni, sono state le persone, gli ospiti della struttura;  di altre persone presenti nella stessa  preferisco non parlare,  anche se sono stati ottimi maestri, ma sotto altri aspetti.
Ai “nonni”, così li abbiamo sempre definiti noi volontari e le centinaia di bambini che hanno partecipato al Progetto Scuola di quegli anni, abbiamo dedicato tutto l’impegno possibile, purtroppo è mancato in parte il tempo per stare fisicamente insieme, ma sapevamo che loro apprezzavano ciò che riuscivamo a fare.
Queste riflessioni sono affiorate con vigore in questi ultimi periodi per due fatti legati al Baulino, il prima è la scomparsa di Camilla Catterino, donna indimenticabile per la sua energia ed esuberanza, molto affettuosa anche se a volte un po’ prevaricatrice, è stata per tutti quegli anni il personaggio più significativo del luogo. Voce sonora, dialettica sciolta, dotata di ironia ed autoironia, nonostante la vita non le avesse risparmiato nulla non aveva mai perso del tutto manualità e creatività, le utilizzava per creare gioielli e manufatti che regalava volentieri. Adorava fiori e piante e regolarmente scendeva con noi in giardino, si faceva raccogliere fiori e qualche erbetta profumata. Adorava i bambini e quindi era scontato incontrarla durante il percorso con i ragazzi ai quali amava raccontare filastrocche, alcune un po’ “disinvolte” e ascoltare le loro storie. Camilla è stata il simbolo di un luogo che per lunghi e faticosi anni abbiamo cercato di curare nel migliore modo possibile con poche risorse e tanti problemi ma con la consapevolezza di un servizio che colorava le giornate agli ospiti. E loro sapevano ricambiarci con un affetto ed una semplicità che scaldava il cuore. Ora il luogo è vuoto e senz’anima, lo abbiamo visitato di recente: desolato, impraticabile, con il senso dell’abbandono  e del degrado che velocemente diventa il protagonista delle aree verdi, dove la natura avanza inesorabile e veloce se l’uomo smette di occuparsi di lei